Il contenuto è il Re: ora lo dice anche Google